Pubblicita'

Carattere

Si tratta dei sanitari del reparto di Ginecologia dell'ospedale Jazzolino di Vibo ai quali la polizia ha notificato un avviso di garanzia

Cronaca

Ci sono 10 indagati per il decesso di Tiziana Lombardo, la 37enne originaria di Paravati di Mileto, ma residente a Santa Domenica di Ricadi, morta giovedì dopo aver dato lunedì scorso alla luce una bimba di nome Giada. L’avviso di garanzia è un atto dovuto dopo l’iscrizione sul registro degli indagati, da parte del pm Claudia Colucci, dei sanitari che hanno avuto in cura la donna.

Dà alla luce una bimba ma muore in ospedale a Vibo dopo il parto. Indaga la polizia

Questi i medici ai quali la Squadra Mobile di Vibo Valentia ha notificato l’avviso di garanzia: Daniela Fusca (cl. '72) di Lamezia Terme; Gianfranco Marataro (cl. 58) di Vibo; Antonella D’Alessandro (cl. '60) di Vibo; Tommaso Sirgiovanni (cl. '59), originario di Gerocarne, residente a Vibo; Pasquale De Bartolis, di Vibo; Rocco Fiaschè (cl. '61) di Rosarno; Marianna Carnevale, di Vibo; Oscar Cervadoro (cl.'53) di Lamezia Terme (primario all'ospedale di Vibo); Salvatore Falcone (cl. '73) di Vibo; Vincenzo Mangialavori, di Vibo. Gli indagati sono tutti medici in servizio nel reparto di Ginecologia dell’ospedale di Vibo Valentia dove la donna si trovava ricoverata. Omicidio colposo l’ipotesi di reato per la quale i sanitari sono stati iscritti sul registro degli indagati ed hanno ricevuto l’avviso di garanzia. Per domani è previsto l’esame autoptico sul corpo di Tiziana Lombardo, affidato al medico legale Katiuscia Bisogni, affiancata da alcuni consulenti di parte dell’Asp. 

Donna morta in ospedale a Vibo dopo il parto, domani l’autopsia disposta dalla Procura

Donna morta in ospedale a Vibo dopo il parto, il ministero invia una task force

Seguici su Facebook